Denaro

Tutti sanno cose’ il denaro, ma pochi sanno a qual’e’ la sua funzione fondamentale: IL DENARO SERVE PER SPOSTARE BENI O SERVIZI NEL TEMPO O NELLO SPAZIO.

Esempi: se ho una casa a Milano e vado ad abitare a Siracusa non posso spostare il fabbricato ma vendo a Milano e con il denaro ricavato acquisto a Siracusa una casa simile (sposto nello spazio);   se costruisco e vendo scarpe con il denaro ricavato annualmente pago il premio per un fondo assicurativo pensionistico dopo un certo numero di anni otterro’ in cambio una rata mensile di pensione che mi permetterà di acquistare i beni necessari per vivere (sposto nel tempo).

Quindi il denaro dovrebbe avere una relazione con i beni reali dato che in teoria li dovrebbe rappresentare.

Purtroppo la finanza mondiale ha creato un mondo virtuale fatto di crediti inesistenti, di titoli tossici, di contratti future, di valute sopravvalutate eccetera che si autoalimenta ed e’ scollegato dalla realta’. Alcune conseguenze negative degli eccessi della finanza hanno gia’ toccato l’economia mondiale: crisi dei subprime americani, crollo delle borse occidentali e ultimamente anche cinesi, sovrapproduzione orientale, solo per citarne alcune.

Per contenere e regolare un mercato finanziario globale servono regole condivise con il maggior numero possibile di nazioni a livello mondiale perche’ un singolo stato non la forza resistere ad eventi enormi nati in altre parti della terra.

Il fallimento delle banche italiane dal gennaio 2016.

il 2 luglio 2015 il parlamento ha approvato una legge che, a partire dal 1/1/2016, impedirà il salvataggio delle banche in crisi mediante interventi o aiuti di stato.

Questa legge permetterà l’applicazione di un meccanismo (bail-in) mediante il quale la banca sara’ salvata dall’interno utilizzando in rigido ordine gerarchico i soldi di:

  1. azionisti;
  2. obbligazionisti;
  3. creditori non garantiti (c.d. chirografari);
  4. correntisti/depositanti con importi superiori a 100.000,00 euro;

Vedersi prelevare forzosamente denaro dal conto bancario per il salvataggio della banca fallita (magari malgestita da dirigenti disonesti o incapaci) è una spiacevole possibilita’ di cui ogni risparmiatore dal 2016 dovra’ tenere conto.

Inoltre e’ necessario sapere che in teoria i correntisti con depositi inferiori a 100.000,00 euro sono garantiti dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, ma che in realtà, nel caso di crac di un istituto medio grande, il F.I.T.D. non sarebbe in grado di intervenire per mancanza di denaro accantonato: infatti i depositi tutelati ammontano a circa 476 miliardi di euro mentre il F.I.T.D. ha a disposizione 1,9 miliardi di euro. In pratica esistono coperture reali per 4 euro ogni  1.000 euro di depositi.

Il sistema bancario italiano ha circa 190 miliardi di crediti in sofferenza (di cui circa 40 miliardi di titoli greci), quindi pari al 27% di tutto il  capitale e riserve del sistema bancario italiano.

Nella allocazione dei risparmi e delle risorse patrimoniali è fondamentale tenere conto anche di questa nuova legge, dei rischi interni al sistema bancario italiano e anche delle perturbazioni economiche e finanziarie in atto a livello globale.