Piccola rivoluzione nelle compravendite immobiliari

Tradizionalmente gli immobili si pagavano mediante bonifico o assegni circolari consegnati al venditore al momento del rogito.

l’art. 35 della legge di stabilità impone di non consegnare il denaro al venditore ma al notaio che dovrà custodirlo su un conto dedicato impignorabile per un massimo di 30 giorni, termine entro il quale dovrà avvenire il passaggio di proprietà.

Una volta effettuata la trascrizione dell’atto definitivo nei pubblici registri immobiliari il notaio provvederà a trasmettere l’importo al venditore.

Questa nuova prassi serve a tutelare il compratore nel caso in cui il venditore effettui ripetuti rogiti dello stesso immobile in pochi giorni. Infatti il primo che trascrive prevale sugli altri eventuali acquirenti.

Con questa legge, in questa malaugurata  situazione, il primo che  trascrive diventa proprietario dell’immobile e gli altri acquirenti si vedranno restituire il denaro dal notaio impossibilitato a completare il trasferimento di proprietà. Certamente questi ultimi subiranno una cocente delusione ma non avranno alcun danno economico.

In questo caso l’aumento di burocrazia è accettabile in cambio di una ottima tutela dell’acquirente. Finalmente sarà stroncata la piaga delle truffe immobiliari alla Totò che, in un vecchio film, riusci a vendere la fontana di Trevi.

Principali novità 730/2014

Sotto elenco alcune delle principali novità relative al mod. 730/2014:

  • aumento delle detrazioni per figli a carico: da 800 a 950 euro per ciascun figlio; da 900 a 1.220 euro per ciascun figlio di età inferiore ai tre anni; da 200 a 400 euro per ciascun figlio portatore di handicap;
  • ulteriore rivalutazione del 15% del reddito dominicale ed agrario dei terreni;
  • riduzione della deduzione forfettaria sui canoni di locazione che passa dal 15% al 5%;
  • i crediti dal 730 superiori a 4.000,00 euro saranno rimborsati esclusivamente dall’Agenzia delle Entrate, dopo approfonditi controlli della documentazione;
  • riduzione del limite massimo detraibile per i premi relativi alle assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni e i premi avente per oggetto il rischio morte, invalidità permanente e non autosufficienza da euro 1.291,14 a euro 630 per il 2013;
  • entro il 31/1/2014 dovrebbe essere emanato un apposito provvedimento di riodino degli oneri detraibili che, se non attuato, in base alla clausola di salvaguardia, comporterà la diminuzione della detrazione dal 19% al 18% per l’anno 2013.

Divieto di pagamento di Locazioni in contanti

22/1/2014 l’articolo è stato aggiornato dopo la sua pubblicazione

A decorrere dal 1/1/2014 non è più consentito il pagamento di locazioni abitative private con denaro contante.

E’ ammesso il pagamento esclusivamente con mezzi tracciabili quali:

  • bonifico bancario o postale;
  • assegno bancario, postale o circolare (ovviamente non trasferibili);
  • carta di credito, di debito, paypal, bancomat, revolving;
  • vaglia postale (con clausola non trasferibile).

La dottrina ritiene utilizzabile anche il bollettino postale, pur non essendo citato dalla norma, perché è classificabile tra i metodi di pagamento tracciabili.

La dottrina ritiene applicabile l’apparato sanzionatorio delle leggi antiriciclaggio, quindi dal 1% al 40% con un minimo di 3.000,00 Euro.  La sanzione applicabile minima è pari a 3.000 euro. Autorevoli esperti ritengo oblazionabile con il 2%.

Mini imu al 24 gennaio 2014

L’imu sulla prima casa colpirà solo alcuni contribuenti ed in particolare per la Versilia: Viareggio, Massarosa, Pietrasanta.

L’importo è dato dalla differenza tra l’aliquota maggiorata deliberata dal comune, detratta l’aliquota base dello 0,4% moltiplicato 40% e tenuto conto delle detrazioni 200-250 euro per l’abitazione principale e di 50 euro a figlio.

La scadenza per il pagamento di questa “mini imu” è fissata per il 24/1/2014.

Non è ancora possibile stampare i modelli F24 per il pagamento perché non sono ancora stati chiariti alcuni punti oscuri.